Rivestimenti per il bagno: idee, suggerimenti e consigli

L’arredo delle case moderne, da tempo ormai, dedica sempre più spazio e attenzione anche al bagno e ai suoi rivestimenti. In passato quest’ambiente era considerato un luogo di second’ordine, utile solo per la pulizia quotidiana. Oggi, invece, la stanza bagno è il luogo del relax e della cura di sé, un posto dove ritagliarsi del tempo per coccolarsi e ricaricarsi. Anche le case piccole non rinunciano ad un bagno confortevole e a misura delle esigenze di chi lo vive pensando ad un arredo di gusto e a rivestimenti di classe e qualità, con un occhio sempre fisso al portafogli! Anche perché, inutile negarlo, il rivestimento è una componente essenziale dell’arredo e contribuisce a tutto l’aspetto estetico della stanza. La domanda nasce spontanea:

Come si scelgono dei buoni rivestimenti per il bagno?

Iniziamo a tener d’occhio le caratteristiche più importanti da valutare:

  • Assorbimento dell’acqua: in bagno bisogna optare per piastrelle con la percentuale di porosità più bassa in quanto sono sottoposte quotidianamente a contatto con l’acqua e umidità addensata.
  • Resistenza ai carichi: quanto resiste il materiale scelto al peso dei mobili? La risposta a questa domanda indica la resistenza dei rivestimenti scelti!
  • Durezza: indica la robustezza delle piastrelle rispetto a graffi e incisioni, da 1 a 10 (valore massimo).
  • Resistenza all’usura: in una scala da 0 a 5, più è alto il numero più è resistente la piastrella.

Tenendo presente queste informazioni, vanno scelti i materiali in relazione anche all’effetto che si desidera ottenere, abbinando l’aspetto estetico agli spazi che si hanno a disposizione.

I materiali più usati per le pareti e i pavimenti del bagno

Tra i materiali più usati ci sono: il marmo, la ceramica, il grès porcellanato, il mosaico, il cemento, la resina e anche il legno. La scelta del materiale dipende da tanti fattori: in primo luogo il vostro gusto, poi l’arredo della casa, la pulizia degli ambienti e la manutenzione dei materiali. 

Rivestimenti bagno in ceramica

giovanni de maio broccato bianco

In commercio esistono tante tipologie di piastrelle in ceramica che si differenziano per il tipo di impasto da cui sono composte, dal tipo di lavorazione e dal metodo di cottura. Queste caratteristiche influiscono sulla resistenza, la durezza e diverse proprietà tecniche come l’assorbimento dell’acqua e il grado di umidità che sono in grado di trattenere. Esistono piastrelle “a pasta bianca” o “a pasta rossa” in base alla presenza o meno di ossido di ferro nell’impasto e “smaltate” o “non smaltate”, in relazione alla copertura con uno strato di vetro colorato che dona sia un tocco estetico diverso per colore, brillantezza e sfumature che tecnico, soprattutto per l’impermeabilità.

Rivestimenti bagno in pietra

artesi origami1

La scelta di realizzare una parete rivestita in pietra crea continuità tra interno ed esterno, riducendo il distacco creato dalle fughe. Sicuramente è una scelta elegante e di stile, ma è consigliabile non estenderlo a tutte le pareti, per non appesantire troppo l’ambiente. 

Rivestimenti bagno in marmo

studio one marble

Scegliere il marmo come materiale per rivestire il proprio bagno è davvero il massimo dell’eleganza e rende l’ambiente lussuoso in un colpo d’occhio. Le sfumature del marmo rendono tutto originale e ineguagliabile, ogni piastrella sarà unica e tutto l’ambiente sarà elegante. Si ricordi, però, di non prediligere questa scelta per un bagno di piccole dimensioni perché il marmo tende a ridurre a colpo d’occhio gli spazi. La pecca più grande del marmo è il suo costo, molto elevato e decisamente non alla portata di tutti. Un bellissimo effetto marmo si raggiunge con l’uso del gres porcellanato che può rendere vari effetti, alcuni del tutto uguali al marmo. Questo materiale ha soppiantato quasi del tutto l’uso del cotto e il clinker e le sue caratteristiche lo rendono idoneo all’uso nel bagno in quanto è molto resistente agli urti, all’acqua ed è molto facile da pulire.

Rivestimenti bagno mosaico

sicis mosaico 3

Per una scelta di colore e vivacità senza perdere l’eleganza il rivestimento in mosaico è l’alleato migliore! Allegro e colorato, di solito viene usato per gli interni doccia, con le piastrelle in mosaico si possono creare bellissimi effetti cromatici, originali ed eleganti e si può dare spazio alla creatività. Una delle ultime tendenze in tema di eleganza è la scelta della carta da parati, ovviamente adatta all’ambiente bagno, quindi impermeabile e decorata a gusto. 

Rivestimenti bagno effetto legno

mirage rivestimenti 4

Anche il legno è stato rivalutato come materiale per i rivestimenti dei bagni. Un parquet a listoni grandi, resistente all’acqua e all’umidità. Occhio alla posa: va fatta a regola d’arte per evitare rialzi del pavimento con l’usura e qualsiasi tipo di legno si scelga va reso idrofugo con una verniciatura ad acqua, da rifare di tanto in tanto per garantirne la durata. E’ preferibile scegliere legni duri come il wengé e non preferire, per esempio, il rovere. Se non si vuol usare il legno per la cura che necessita ma non si vuol rinunciare al suo effetto, si può optare per un effetto legno ottenuto con il gres che è sicuramente più pratico ed economico.

Rivestimenti bagno 3D

love tiles genesis

Uno degli effetti più gettonati al momento è il 3D: piastrelle a rilievo che donano un effetto dinamico e d’impatto. Belle a colpo d’occhio, ma attenzione alla polvere! Avendo deciso il tipo di materiale, bisogna adesso pensare alle cose più pratiche: quante piastrelle bisogna comprare? Ovviamente dipende da quanti mq bisogna coprire e stimare una fornitura sempre maggiore rispetto al necessario per sopperire eventuali emergenze, ricambi, sostituzioni…. E’ consigliabile optare sempre per prodotti di prima scelta per evitare gli scarti, ossia piastrelle difettose o rotte che comunque per legge non devono essere più di 5 ogni 100 piastrelle. Attenzione anche al tono (la tonalità cromatica), al calibro (la dimensione di fabbricazione) e allo spessore che deve essere sempre uguali nei vari lotti acquistati. Di solito lo spessore più sottile è destinato alle piastrelle per le pareti.

Conclusioni

Avendo memorizzato i piccoli trucchetti utili nella scelta e avendo valutato l’effetto estetico che si vuole ottenere, non resta che scegliere! Nel nostro shoowroom a sistema modulare, con oltre 400 mq di esposizione, troverete tantissima varietà e un personale esperto per guidarvi verso la scelta migliore seguendo le vostre necessità e il vostro gusto, coniugandolo con la qualità dei migliori marchi, per realizzare il vostro bagno regale.